Il volume della piramide: costruzione di un modello

Author: 2 commenti Share:

Viene qui descritta un’attività realizzata a partire dal laboratorio a pag. 138 del Volume “Figure solide” di Emma Castelnuovo, che aiuta a rendere concreta la formula per il calcolo del volume della piramide

L’insegnante Teresa Zaia ha realizzato, con la classe 3a Codognè (TV) anno scolastico 2016/17, un modello di cubo con dentro 6 piramidi, ma nello stesso tempo le piramidi possono essere girate all’esterno. Questo può essere comodo per tante cose..(verifica del volume della piramide, differenza altezza apotema, ecc ecc, tutto in uno!)
Gli alunni hanno costruito, ognuno per sé, il modellino su cartoncino. Quest’attività ha stimolato la fantasia di uno dei ragazzi che si è proposto per costruire il modello in compensato, con l’aiuto del nonno!
L’insegnante ha accolto subito l’idea di questo ragazzo che, pur essendo molto intuitivo, non sempre partecipa con entusiasmo. E allora la stessa insegnante lancia la sfida di un bel 10! Proprio per motivare ancora di più l’alunno.
I laboratori servono proprio a questo: a motivare, suscitare un interesse che vada al di là della singola lezione. E per gli alunni si apre una possibilità di provare passione per una materia, la matematica, che spesso risulta noiosa e ostile. Coinvolgere poi genitori o nonni nella realizzazione di un progetto, di un modello significa anche a stimolare partecipazione ed emozioni, ben oltre le competenze matematiche.
Dopo una decina di giorni arriva il modello allo stadio iniziale: fatto con pannelli di compensato grezzo, tenuti assieme da pezzi di scotch di carta.
L’insegnante allora chiede di perfezionare il tutto, cercando delle cerniere per agevolare l’apertura e chiusura nei possibili due versi del solido: 10 dato, modello lasciato in ricordo alla scuola, autografato dall’alunno!

Previous Article

Il quadrato e l’Uomo di Vitruvio

Next Article

I materiali per il curricolo verticale

You may also like

2 commenti

    1. Ciao Franca, se insegni alla secondaria di primo grado puoi contattare il tuo rappresentante RCS di zona, oppure controllare se lo avete già in biblioteca. Facci sapere!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *